+ 39 345 6899815

L’oleodotto hackerato è solo l’inizio: gli attacchi non mirano più ai PC, ma alla vita delle persone