Anche Telegram si è piegata alla stretta di Putin su internet durante le elezioni in Russia